«L’intelligenza artificiale (o IA, dalle iniziali delle due parole, in italiano) è una disciplina appartenente all’informatica che studia i fondamenti teorici, le metodologie e le tecniche che consentono la progettazione di sistemi hardware e sistemi di programmi software capaci di fornire all’elaboratore elettronico prestazioni che, a un osservatore comune, sembrerebbero essere di pertinenza esclusiva dell’intelligenza umana.» (fonte Wikipedia).

In poche parole, l’intelligenza artificiale (dall’inglese AI – Artificial Intelligence), è quel ramo dell’informatica che utilizza sistemi hardware e software per programmare macchine con caratteristiche molto simili a quelle umane, con lo scopo di risolvere problemi di vita quotidiana.

Il termine Intelligenza Artificiale è nato nel 1956: con il passare degli anni, tramite livelli crescenti di dati elaborati, migliori capacità di archiviazione e lo sviluppo di algoritmi avanzati, l’IA può ora imitare il ragionamento umano acquisendo ed elaborando informazioni che le consentono di imparare e di interagire con l’ambiente circostante, a differenza dei computer che svolgono funzioni meccaniche e compiti precisi.

Nel XXI secolo, dopo 60 anni di ricerche, viviamo in un’epoca in cui l’AI sta raggiungendo il massimo potenziale grazie alla disponibilità di dati in formato digitale.

intelligenza_artificiale

Intelligenza artificiale, come funziona

 

L’IA funziona combinando grandi quantità di dati e algoritmi intelligenti, consentendo al software di imparare automaticamente dai modelli o dalle caratteristiche dei dati. L’IA è un campo di studio molto ampio che comprende diverse teorie, metodi e tecnologie, come i seguenti filoni principali:

  • Il Machine Learning automatizza la costruzione di modelli analitici. Utilizza metodi provenienti da reti neurali, statistiche, ricerca operativa e fisica per trovare informazioni nascoste nei dati senza essere stato esplicitamente programmato su dove guardare o a quali conclusioni giungere.
  • La rete neurale è un tipo di machine learning costituito da unità interconnesse (come i neuroni) che elabora le informazioni rispondendo agli input esterni e trasmettendo le informazioni tra ogni unità. Il processo richiede ai dati più passaggi per trovare le connessioni e ricavare significato dai dati non definiti.
  • Il Deep Learning utilizza reti neurali con molti livelli di unità di elaborazione, sfrutta i progressi nella potenza di calcolo e le migliorate tecniche di apprendimento per imparare i modelli complessi presenti nelle grandi quantità di dati. Le applicazioni più comuni includono il riconoscimento di immagini e voce.
  • Il Cognitive Computing è una branca dell’intelligenza artificiale che vuole ottenere un’interazione naturale con le macchine, simile a quella umana. Utilizzando l’intelligenza artificiale e il calcolo cognitivo, l’obiettivo finale è una macchina che simuli i processi umani attraverso la capacità di interpretare immagini e parlato e che sia poi in grado di rispondere in modo coerente.
  • La computer vision si basa sul riconoscimento dei modelli e sul deep learning per riconoscere ciò che c’è in un’immagine o in un video. Quando le macchine sono in grado di elaborare, analizzare e comprendere il contenuto, possono catturare immagini o video in tempo reale e interpretare l’ambiente circostante.
  • Il Natural Language Processing (elaborazione del linguaggio naturale) è la capacità dei computer di analizzare, comprendere e generare il linguaggio umano, compreso il parlato. La fase successiva dell’NLP è l’interazione linguistica naturale, che consente agli esseri umani di comunicare con i computer utilizzando un linguaggio normale e quotidiano per svolgere le loro attività.

Altre tecnologie abilitano e supportano l’intelligenza artificiale:

  • Le unità di elaborazione grafica (GPU) sono fondamentali per l’intelligenza artificiale perché forniscono la potenza di calcolo necessaria per l’elaborazione iterativa. L’apprendimento delle reti neurali richiede grandi dati e potenza di calcolo elevata.
  • L’Internet of Things genera enormi quantità di dati dai dispositivi connessi, la maggior parte dei quali non analizzati. L’automazione dei modelli con l’IA ci permetterà di utilizzarne di più.
  • Gli algoritmi avanzati sono stati sviluppati e combinati in nuovi modi per analizzare più dati più velocemente e a più livelli. Questa elaborazione intelligente è fondamentale per identificare e prevedere eventi rari, comprendere sistemi complessi e ottimizzare gli scenari.
  • Le API, le interfacce di programmazione di un’applicazione, sono pacchetti di codice che consentono di aggiungere funzionalità di IA a prodotti e pacchetti software esistenti. Possono aggiungere funzionalità di riconoscimento delle immagini ai sistemi di sicurezza domestica e funzionalità di Q&A che descrivono dati, creano didascalie e titoli o richiamano modelli e informazioni sui dati.

L’IA non sostituisce gli esseri umani e non è previsto che lo faccia in futuro ma, nonostante questo, l’umanità ha opinioni contrastanti a riguardo: da una parte c’è chi sostiene che le macchine diventeranno più performanti dell’uomo mentre dall’altra chi asserisce che il nostro cervello ha qualità nettamente superiori e nessun algoritmo potrà mai emularlo.

È anche vero che, al momento, l’IA è solo frutto di automatismi ma per colmare questa differenza dall’uomo si sta sviluppando l’Affective computing, dispositivi in grado di riconoscere i sentimenti e le emozioni delle persone.

Esempi di Intelligenza Artificiale nel quotidiano

 

Negli ultimi anni, le imprese che hanno inglobato l’IA nella propria strategia aziendale sono aumentate del 270% e non vi è alcun dubbio che sarà la futura chiave del successo economico. 

Gli ambiti in cui è maggiormente diffusa sono: 

  1. Marketing & Comunicazione: l’intelligenza artificiale viene utilizzata per capire le abitudini di consumo dei clienti e migliorare i servizi legati alla customer care e user experience. Non a caso, da diversi anni, si è sviluppata l’Artificial Intelligence Marketing (AIM) che, basandosi sull’analisi delle informazioni, persuade le persone a compiere azioni, comprare prodotti e utilizzare servizi;
  2. Sanità: l’AI ha migliorato gli strumenti per le persone con disabilità e ha incrementato l’efficienza delle tecnologie in grado di diagnosticare tumori o malattie rare. Inoltre sono disponibili sul mercato sistemi in grado di consigliare percorsi di cura ottimali e assistenti virtuali per le sale operatorie a supporto dei dottori;
  3. Sicurezza pubblica e gestione dei rischi: l’intelligenza artificiale è sfruttata per prevenire crimini negli aeroporti, stazioni ferroviarie, città metropolitane ed eventi pubblici. Oltre a questo gli algoritmi riescono a prevedere un furto, una frode o un attacco informatico;
  4. Industria 4.0: i lavori verranno svolti in modo automatico con un grado di precisione sempre più elevato e un margine di errore basso in modo da ridurre notevolmente i costi di produzione;
  5. Film: L’IA è già stata usata per creare trailer di film, sceneggiature, cortometraggi e composizioni musicali, anche se non ha ancora tutta l’immaginazione che possiede la mente umana potrà essere utilizzata per stimolare la nascita di nuove idee. 
artificial_intelligence_machine_learning

Intelligenza artificiale pro e contro 

Il fisico e matematico Stephen Hawking ha affermato:

«NON SIAMO IN GRADO DI PREVEDERE COSA RIUSCIREMO A FARE QUANDO LE NOSTRE MENTI SARANNO AMPLIFICATE DALL’INTELLIGENZA ARTIFICIALE. FORSE, CON STRUMENTI NUOVI, RIUSCIREMO ANCHE A RIMEDIARE A TUTTI I DANNI CHE STIAMO PROVOCANDO ALLA NATURA, E MAGARI SAREMO ANCHE IN GRADO DI TROVARE SOLUZIONI DEFINITIVE A POVERTÀ E MALATTIE. MA È ANCHE POSSIBILE CHE CON LA DISTRUZIONE DI MILIONI DI POSTI DI LAVORO VENGA DISTRUTTA LA NOSTRA ECONOMIA E LA NOSTRA SOCIETÀ».

5 pro dell’intelligenza artificiale

  1. L’intelligenza artificiale completa le attività di routine con facilità.

Le attività ripetitive possono essere automatizzateperfezionando con precisione l’apparecchiatura al fine di funzionare per lunghi periodi di tempo per completare il lavoro. 

  1. L’intelligenza artificiale può funzionare indefinitamente.

Le macchine di intelligenza artificiale non sperimentano gli stessi cali di produttività che i lavoratori umani soffrono quando si stancano alla fine della giornata.

  1. L’intelligenza artificiale fa meno errori.

L’intelligenza artificiale è importante in settori in cui l’accuratezza e la precisione sono la priorità assoluta.

  1. L’intelligenza artificiale ci aiuta a esplorare.

L’intelligenza artificiale ci consente di saperne di più su luoghi difficili – se non impossibili – da raggiungere, favorendo il nostro database di conoscenza delle specie. Possiamo esplorare le parti più profonde dell’oceano, viaggiare verso pianeti inospitali e persino trovare nuove risorse da consumare grazie a questa tecnologia.

  1. L’intelligenza artificiale può essere utilizzata da chiunque.

Esistono diversi modi in cui la persona media può sfruttare i benefici dell’AI giorno per giorno. Nelle case smart alimentate dall’intelligenza artificiale, il termostato e la regolazione energetica aiutano a ridurre la bolletta mensile. La realtà aumentata consente ai consumatori di visualizzare gli oggetti nella propria casa senza prima acquistarli. Un’AI applicata correttamente permette alla nostra percezione della realtà di essere migliorata, creando un’esperienza personale positiva.

5 contro dell’intelligenza artificiale

  1. L’intelligenza artificiale ha un costo elevato.

Una nuova intelligenza artificiale è costosa da costruire, per uno sviluppo individuale si possono raggiungere circa 200.000 euro per un’intelligenza artificiale di base.

  1. L’intelligenza artificiale ridurrà le opportunità di lavoro.

A fronte di nuovi posti di lavoro guadagnati grazie all’AI, ci saranno anche posti di lavoro persi a causa sua. Qualsiasi occupazione che presenta compiti ripetitivi come parte delle sue funzioni è a rischio di sostituzione da parte di un’intelligenza artificiale in futuro. 

  1. L’intelligenza artificiale avrà il compito di prendere le proprie decisioni.

Una delle maggiori minacce che affrontiamo con l’AI è il suo meccanismo decisionale. Un’intelligenza artificiale è intelligente e ragionata quanto le persone responsabili della sua programmazione iniziale.

  1. L’intelligenza artificiale manca di creatività.

La nostra attuale intelligenza artificiale corrisponde alla creatività del suo creatore e, poiché manca la creatività, tende a mancare anche l’empatia.

  1. L’intelligenza artificiale può mancare di miglioramento.

Un’intelligenza artificiale può essere in grado di cambiare il modo in cui reagisce in determinate situazioni ma non può alterare le sue percezioni, risposte o reazioni in caso di cambiamento di un ambiente. Nell’AI è presente l’incapacità di distinguere determinati tipi di informazioni osservati, oltre i dati generati da tale osservazione diretta.

artificial-intelligence

Il ruolo dell’intelligenza artificiale nella cyber security

Cyber Security e intelligenza artificiale stanno diventando un binomio indissolubile nella lotta alle minacce informatiche, agli attacchi hacker e ai disservizi che in generale possono affliggere l’ecosistema IT di un’azienda.

Nel Rapporto Clusit 2019, per la prima volta, è stato dedicato un intero capitolo al ruolo che l’intelligenza artificiale è destinata a ricoprire nelle soluzioni di Cyber Security. A livello mondiale, secondo le previsioni di Marketsandmarkets, l’impiego di tecnologie di AI per la sicurezza informatica conoscerà un vero e proprio exploit.

Una soluzione di Cyber Security coadiuvata da un motore di Machine learning può rilevare qualsiasi attività insolita all’interno dell’ecosistema e segnalare in tempo reale le difformità riscontrate, con un approccio dinamico e in continua evoluzione.

Considerata la crescita esponenziale del numero dei dispositivi connessi alla rete da parte di privati, aziende o industrie in tutto il mondo, si moltiplicano tutte le vulnerabilità e i punti deboli dei sistemi che, per loro natura, sono difficili da controllare. Nexsys, azienda informatica di Verona, si occupa di preservare la sicurezza di computer, reti e dati personali. Grazie ai nostri servizi cybersecurity, progettati per difendere i tuoi asset e controllare la rete, potrai finalmente lavorare tranquillo.

Apri la chat
1
Possiamo aiutarti?
Ciao 👋
Possiamo aiutarti?
X