La parola chiave oggi è iperconvergenza.

 

L’infrastruttura iperconvergente (HCI) è un framework IT che riunisce capacità di calcolo, storage, networking e software in un hardware commodity offerto da un unico vendor, nel tentativo di minimizzare la complessità dei data center e aumentare la scalabilità. Un sistema dotato di elaborazione, rete, archiviazione e virtualizzazione in un’unica appliance con un singolo punto di gestione. Il tutto reso disponibile su un sistema hardware supportato, nel caso, da un provider. In pratica si tratta di un IT as a Service di nuova generazione.

Un’infrastruttura iperconvergente assicura una facile gestione dei carichi di lavoro basati su Cloud pubblico e nei data center aziendali. L’HCI porta la semplicità tipica del Cloud nell’infrastruttura on-premise con la possibilità di arrivare fino a carichi di lavoro mission critical. La gestione centralizzata semplifica le operazioni, mentre l’architettura scalabile dell’HCI riduce al minimo l’uso di energia e lo spazio del data center per garantire un TCO inferiore rispetto a un’infrastruttura tradizionale e al cloud pubblico.

Inizialmente l’infrastruttura iperconvergente era poco più di un server, con alcuni software in esecuzione su un hypervisor. Le attuali soluzioni iperconvergenti sono parte integrante dell’infrastruttura IT delle aziende e possono risolvere facilmente un’infinità di sfide tecnologiche.

Come funziona l’infrastruttura iperconvergente?

 

Alla base dell’iperconvergenza c’è una nuova intelligenza del software. Grazie a questa nuova chiave di sviluppo server, storage e software di virtualizzazione convergono in un unico oggetto – detto appliance – governato da un unico programma che funge da controller di gestione.

L’iperconvergenza separa le funzioni di elaborazione, virtualizzazione, archiviazione e networking software-defined dall’infrastruttura sottostante per l’esecuzione di una serie di risorse fisiche basata su componenti x86 standard del settore ed integra il tutto in singoli nodi che costituiscono un cluster gestito centralmente. Bastano solo 3 nodi per scalare facilmente il cluster al fine di soddisfare le esigenze della tua azienda.

Il primo vantaggio che salta all’occhio per quanto riguarda l’infrastruttura iperconvergente è il modo in cui si ridimensiona. Come avveniva per l’infrastruttura convergente, le aziende possono acquisire lo spazio necessario e aggiungerne comodamente più avanti fino a che non si esaurisce. Il problema per i sistemi iperconvergenti standard, è che è necessario acquistare un nodo completamente nuovo per quanto riguarda rete, archiviazione e capacità di elaborazione.

Infrastruttura Iperconvergente con Hyper-V

Quali sono i vantaggi

 

Agilità, efficienza e risparmi economici: sono i 3 principali vantaggi che indicano, in sintesi, il valore e il significato dell’iperconvergenza. Rispetto alla tradizionale architettura a 3 livelli:

  • operazioni semplificate – elimina i processi manuali e la necessità di competenze operative separate per il team. Un unico nucleo operativo può gestire l’infrastruttura IT, semplificando tutti i processi e ottenendo un risparmio di tempo.
  • riduzione dei costi – riduci il CapEx utilizzando un’architettura con scalabilità verticale/orizzontale che richiede soltanto server x86 standard di settore e non costose reti ad-hoc.
  • maggiore agilità – rispondi più rapidamente alle mutevoli esigenze aziendali. Configura l’hardware in poche mosse e distribuisci i carichi di lavoro in pochi minuti. Accelera le prestazioni delle applicazioni business critical come i database relazionali.

L’HCI offre grande flessibilità al tuo budget. I benefici variano in funzione del tuo livello di investimento. In genere, l’hardware copre circa l’80% dell’investimento complessivo, mentre il software si ferma al rimanente 20%. Su questi fattori puoi permetterti di essere creativo, mescolando hardware e software in base alle tue esigenze.

L’HCI porta la semplicità tipica del cloud nell’infrastruttura on-premise con la possibilità di arrivare fino a carichi di lavoro mission critical. La gestione centralizzata semplifica le operazioni, mentre l’architettura scalabile dell’HCI riduce al minimo l’uso di energia e lo spazio del data center per garantire un TCO inferiore rispetto a un’infrastruttura tradizionale e al Cloud pubblico.

I punti a favore delle infrastrutture iperconvergenti sono svariati: dal risparmio di risorse alla semplificazione della gestione dei sistemi informatici, fino al modo innovativo di supportare gli ambienti Remote Office/Branch Office. L’iperconvergenza si presta a molti usi ed è in grado di risolvere i problemi quotidiani del settore del’Information Technology in modo efficiente.

Come cambiano i data center

  • Le applicazioni e i server che le ospitano sono gestiti insieme, utilizzando un’unica piattaforma incentrata sulla salute e l’accessibilità di tali applicazioni.
  • Capacità di calcolo, archiviazione dei file, memoria e connettività di rete sono raccolti insieme e gestiti singolarmente come i servizi pubblici. I carichi di lavoro sono trattati come i clienti le cui esigenze devono essere soddisfatte, anche se dovesse esserci bisogno della disattivazione e dell’arresto dell’hardware per portarli a termine.
  • Ogni carico di lavoro è impacchettato all’interno di macchine virtuali progettate per essere ospitate da hypervisor come ESX ed ESXi di VMware, Xen, KVM e Hyper-V di Microsoft.

Ciò che caratterizza maggiormente la tecnologia è la sua caratteristica di consolidare tutta la gestione dei data center con un nuovo modello comune che sostiene i carichi di lavoro rispetto alle parti e, in tale misura cerca di sostituire i canonici strumenti di gestione dei data center aziendali.

Infrastruttura Iperconvergente con Hyper-V

Hyper-V in Windows Server

Il ruolo Hyper-V in Windows Server consente creare un ambiente virtualizzato in cui è possibile creare e gestire macchine virtuali. È possibile eseguire più sistemi operativi in un computer fisico e isolare i sistemi operativi tra loro. Con questa tecnologia, è possibile migliorare l’efficienza delle risorse di elaborazione e liberare le risorse hardware.

Gestire l’infrastruttura iperconvergente con l’interfaccia di amministrazione di Windows

L’infrastruttura iperconvergente è stata introdotta in Windows Server 2016 con spazi di archiviazione direttaSoftware Defined Networking e Hyper-V.

Che cos’è Windows Admin Center?

L’interfaccia di amministrazione di Windows è lo strumento di gestione di prossima generazione per Windows Server, il successore per gli strumenti “in-box” tradizionali come server Manager. È gratuito e può essere installato e usato senza una connessione Internet. È possibile usare l’interfaccia di amministrazione di Windows per gestire e monitorare l’infrastruttura iperconvergente che esegue Windows Server 2016 o Windows Server 2019.

Funzionalità principali

Le caratteristiche principali dell’interfaccia di amministrazione di Windows per l’infrastruttura iperconvergente includono:

  • singolo riquadro unificato per il calcolo, l’archiviazione e la rete presto disponibili. Visualizza le tue macchine virtuali, i server host, i volumi, le unità e altro ancora all’interno di un’esperienza integrata, coerente e interconnessa.
  • creare e gestire spazi di archiviazione e macchine virtuali Hyper-V. Flussi di lavoro radicalmente semplici per la creazione, l’apertura, il ridimensionamento e l’eliminazione di volumi; e creare, avviare, connettersi e spostare le macchine virtuali; e molto altro ancora.
  • potente monitoraggio a livello di cluster. Il dashboard rappresenta l’utilizzo della memoria e della CPU, la capacità di archiviazione, gli IOPS, la velocità effettiva e la latenza in tempo reale, in ogni server del cluster, con avvisi chiari quando qualcosa non è adatto.
  • supporto di SDN (Software Defined Networking). Gestisci e monitora reti virtuali, subnet, Connetti macchine virtuali alle reti virtuali e monitora l’infrastruttura SDN.

Per riassumere: l’iperconvergenza aggiunge valore a livello fisico, dove sincronizza le unità di archiviazione, di elaborazione e di rete, in modo da poter costruire piattaforme infrastrutturali scalabili.

Infrastruttura Iperconvergente con Hyper-V

Nexsys: assistenza sistemistica

 

Nexsys è il tuo punto di riferimento per tutto ciò che riguarda la gestione di reti interne e infrastrutture informatiche aziendali. I servizi di assistenza sistemistica di Nexsys sono dinamici e si adattano a qualunque realtà proposta: piccole, medie e grandi imprese.

La nostra esperienza di consulenti informatici ci ha resi, nel tempo, un interlocutore affidabile e preparato ad intervenire tempestivamente su reti e sistemi desktop/server Microsoft.

Proponiamo servizi di Virtualizzazione in ambiente VMware & Microsoft Hyper-V (a livello desktop, server e applicazioni) e di recupero dati informatici, ci occupiamo inoltre di progettare ed implementare sistemi efficaci che ti garantiscano una totale continuità operativa ed un livello di sicurezza informatica ottimale per i tuoi dati.

Attraverso il corso What’s New in Windows Server 2019, poi, l’iperconvergenza non avrà più alcun segreto per te!

X