La sicurezza informatica necessita sempre più di esperti che, attraverso formazione di livello e aggiornamento costante, siano in grado di lavorare con attenzione e competenza nel mondo della cybersecurity.

Figura chiave all’interno della pianificazione di impresa e dell’organizzazione aziendale, il responsabile tecnico della sicurezza informatica è in grado di mantenere il controllo e la funzionalità dei dati sensibili e della tecnologia ad essi correlata. Non solo, l’esperto informatico difende e tutela i sistemi informatici aziendali e sviluppa l’infrastruttura in modo da consentire che la propria società mantenga elevati standard di competitività, sicurezza, continuità operativa e di business.

Il trend di richiesta di esperti in sicurezza da parte di aziende di qualsiasi dimensione è in continuo aumento: ruolo molto ricercato in Europa, ha raggiunto a partire dal 2019 anche in Italia un livello di attenzione molto interessante. La professione dell’esperto in cybersecurity gode quindi di stabilità, continue opportunità di crescita ed interessanti livelli remunerativi e di successo.

Cosa fa un esperto di sicurezza informatica

L’esperto tecnico in cybersecurity mantiene i sistemi aziendali protetti da attacchi informatici esterni e interni. Analizza lo stato degli strumenti per migliorare la sicurezza e proteggere i dati. Le competenze tecniche richiedono avanzate e soprattutto elevate conoscenze del settore informatico.

Per mantenere l’affidabilità dei sistemi, l’esperto in sicurezza deve essere in grado di lavorare in un ambiente complesso: ciò implica, quindi, una completa conoscenza tecnica, un continuo aggiornamento e soprattutto una reale multidisciplinarietà. L’esperto in sicurezza rappresenta il perno della corretta comunicazione tra sistemi e utilizzatori.

In azienda, il CISO, Chief Information Security Officer, è colui che assicura la protezione della rete e dei dati di tutti i sistemi implementati. Il responsabile della sicurezza informatica definisce le strategie per garantire continuità e decide le soluzioni per affrontare gli eventi critici sia per l’azienda sia per gli utenti quando proprietari delle informazioni.

cybersecurity-3

Le competenze richieste per lavorare nella cybersecurity

Lavorare nella cybersecurity richiede competenze che permettano di interpretare e quindi risolvere completamente il problema che ci si trova davanti. Ragionamento, formazione, programmazione, skills innate e acquisite sul campo permettono all’esperto di reagire alla situazione in modalità puntuale.

Ecco cosa può fare la differenza per diventare davvero un esperto in cybersecurity:

  • Ottima capacità di ragionamento critico, logico e deduttivo: saper analizzare nel dettaglio la situazione, le possibili minacce, gli sviluppi riscontrabili ti permette di pensare con attenzione e con professionalità

  • Pensiero laterale e problem solving: uscire dagli schemi e da ciò che la situazione potrebbe sembrare è una delle chiavi per poter gestire condizioni complesse e si traduce in una concreta capacità di affrontare con creatività le sfide richieste

  • Senso di responsabilità e leadership: gestire con efficacia i sistemi è un’attività che prevede una continuativa gestione delle risorse umane che lavorano quotidianamente sull’infrastruttura. Il responsabile della cybersecurity deve quindi interagire in maniera efficace con tecnici, consulenti esterni, programmatori, referenti help desk e utenti.

  • Lingua inglese: conoscere e comprendere l’inglese per lavorare ad alti livelli nel campo informatico è riconosciuto come necessario. Esistono ampi spazi di crescita che devono essere contestualizzati in base alle attitudini personali e alle realtà aziendali. Potrebbe infatti essere interessante la conoscenza della terminologia informatica spagnola o araba

 

  • Conoscenze giuridiche di informatica forense, diritto aziendale, diritto economico e finanziario: sviluppare conoscenze trasversali in questo ambito ti permetterà di affrontare più velocemente le situazioni complesse. Completano il profilo le conoscenze base sulle modalità di transazione finanziare, sul funzionamento delle cripto-valute, della normativa correlata agli attacchi informatici, delle funzionalità e metodologie di perizie tecniche
cybersecurity-2

Le 10 principali attività di un esperto in sicurezza informatica

1.     Sviluppa programmi di sicurezza

L’esperto in cybersecurity protegge le risorse di tutta l’impresa, controlla e monitora le attività che permettono di limitare le possibilità di attacco, disegna ed implementa le misure di sicurezza dei sistemi informativi.

2.    Identifica e classifica gli incidenti

Reali o probabili, in corso o verificabili: il responsabile della cybersecurity controlla la qualità del funzionamento dei sistemi, mantiene e monitora l’infrastruttura tecnica, gestisce situazioni ed eventi in presenza di attacchi cyber.

3.    Definisce le strategie di controllo

Per garantire la sicurezza dei dati, delle reti e dei sistemi il referente della sicurezza anticipa, rileva e controlla gli eventuali incidenti informatici che potrebbero presentarsi.

4.    Monitora e previene le minacce

Attraverso le attività di analisi, il CISO effettua controlli sulla protezione ed efficacia dei sistemi informatici. Esegue test di penetrazione e ripristino e controlla gli accessi e le fonti interne ed esterne all’azienda.

5.    Gestisce le risorse aziendali

Il responsabile della cybersecurity seleziona le risorse necessarie alla gestione della sicurezza. Analizza i tempi, i sistemi software da implementare, supporta la collaborazione con le risorse umane, clienti e fornitori e lavora per arginare conseguenze derivabili da un possibile attacco.

6.    Forma il personale e i collaboratori

Pianifica la formazione continua in azienda attraverso corsi di aggiornamento basati su modalità pratiche e innovative. Stimola il personale a mantenere aggiornamento continuo sui temi relativi alla sicurezza anche grazie a simulazioni test pratici.

7.    Interagisce con tutte le aree aziendali

Il responsabile della sicurezza informatica aggiorna costantemente tutto il personale sui metodi utilizzati durante attacchi e intrusioni informatiche. Comunica in maniera costante e coinvolge i dipendenti nella prevenzione delle minacce anche attraverso la redazione di formali rapporti e documenti tecnici.

8.    Risolve problemi complessi e imprevisti

I reati informatici sono mutevoli nel tempo: una delle maggiori capacità a valore professionale è quello di poter rendersi conto da subito di ciò che accade in azienda, bloccando la diffusione del problema attraverso confronto operativo e assunzione di responsabilità.

9.    Gestisce la progettazione tecnologica

Cura la conservazione dei dati, seleziona gli strumenti, i programmi ed i sistemi operativi. Gestisce il corretto ripristino delle funzionalità tecniche. Partendo da ogni differente necessità aziendale, il responsabile della cybersecurity. monitora ed implementa sistemi funzionali e efficienti.

10.    Supporta lo sviluppo della sicurezza informatica

Attraverso la propria attività il CISO contribuisce a rafforzare la creazione di una cultura della sicurezza informatica nelle aziende, tra gli utenti e di conseguenza  per l’intera società.

cybersecurity-1

Il percorso da intraprendere per diventare un esperto in sicurezza informatica è impegnativo ma ripaga in termini di soddisfazione professionale, crescita e carriera.

Per fare in modo che i tuoi sistemi siano davvero al sicuro è importante avvalersi di consulenti ed esperti in grado di lavorare con te e per te sulla tua infrastruttura.

La nostra azienda è specializzata in attività di consulenza e progettazione informatica basata su sistemi di sicurezza innovativi ed efficienti.

La sicurezza parte soprattutto dalla sicurezza degli utenti: garantire formazione e aggiornamento ai tutti i collaboratori è il primo passo per mantenere la continuità e l’efficienza della tua azienda.

X