La formazione aziendale rappresenta uno dei passaggi chiave di un’azienda per essere competitiva e prevede una serie di attività che hanno lo scopo di aumentare le competenze degli individui per favorire la crescita personale e professionale e raggiungere gli obiettivi di business.

“Imparare è come remare controcorrente: se smetti, torni indietro” recita un antico proverbio cinese e ancora: “L’apprendimento è un tesoro che seguirà il suo proprietario ovunque”.

Investire nella formazione del personale significa fornire ai dipendenti una motivazione e una conoscenza tale da consentire loro di svolgere i propri compiti nel modo migliore possibile. Gli obiettivi della formazione sono:

  • Far acquisire al personale delle conoscenze e delle competenze all’avanguardia;
  • Colmare lacune derivate da cambiamenti di qualsiasi natura;
  • Sviluppare talenti dimostrati dai dipendenti in ambito lavorativo.

Quando si parla di formazione, è importante sempre ricordare che è un investimento per la propria azienda: lavoratori più qualificati e preparati producono di più, lavorano in maniera più qualitativa e ricevono stimoli a proseguire positivamente, per un successo aziendale a 360°. In un’epoca dinamica e social come quella che stiamo vivendo, gli strumenti per la formazione aziendale risultano essere potenzialmente infiniti.

Formazione aziendale: cos’è e a cosa serve

In un mercato del lavoro sempre più iperconnesso, globalizzato e in continua evoluzione, le aziende competitive sono quelle che riconoscono l’importanza delle attività di team building e formazione aziendale. La formazione è un’opportunità di crescita che tocca tutti i livelli della scala gerarchica di un’impresa e riguarda sia gli aspetti tecnici che le relazioni tra individui.

Non solo la formazione diventa, quindi, uno strumento per migliorare le dinamiche aziendali ma anche per rafforzare le relazioni tra i membri del team, per trovare nuove nicchie di mercato e molto altro. Investire sulle persone significa considerarle una ricchezza aziendale, è una scelta strategica: in base all’obiettivo da raggiungere il training può essere organizzato in vari modi (dai corsi di apprendistato rivolti al singolo alle nuove esperienze made in USA, quali corsi di comic terapia e giochi di ruolo come murder party).

Il training aziendale può essere realizzato da un professionista interno o esterno all’azienda il cui compito è capire le esigenze del singolo individuo o del team per elaborare le strategie migliori e individuare i metodi utili a raggiungere gli obiettivi.

Formazione aziendale: come e perché farla

Formazione aziendale: 5 consigli per farla nel modo giusto

Ecco cinque consigli per migliorare la formazione aziendale e costruire momenti dedicati all’apprendimento capaci di coinvolgere i partecipanti:

  1. Analisi dei bisogni – il punto di partenza obbligatorio per qualsiasi investimento nella formazione. Avere ben chiare quali sono le carenze, le potenzialità e le richieste di dipendenti e collaboratori, quali gli obiettivi del business e la direzione in cui si vuole crescere e migliorare.
  2. Organizzazione della formazione – dopo aver fissato gli obiettivi, è il momento di selezionare i orsi e le esperienze che più si addicono al loro raggiungimento. È importante elencare i corsi per tipologia, durata, costi e importanza e preferire attività interattive che stimolino la partecipazione e riducano i momenti di distrazione.
  3. Monitora i risultati – per verificare l’efficacia della formazione e dei corsi scelti, è importante stabilire dei follow-up successivi che analizzino i risultati raggiunti, l’applicabilità delle competenze sviluppate e apprese all’azienda e il loro impiego effettivo nel lavoro.
  4. Revisiona il progetto – in base ai percorsi di formazione scelti, è necessario analizzare come procede il progetto formativo con cadenza regolare, se i risultati ottenuti sono congrui alle aspettative, se gli obiettivi sono stati raggiunti, in che modo e con che difficoltà, ecc.

Altra nota importante, considerare sempre le tre fasi principali dell’apprendimento: acquisizione dei dati, comprensione, organizzazione dei dati e esposizione dei contenuti.

Gli obiettivi della formazione aziendale devono rispondere ai principi del metodo S.M.A.R.T. illustrato dall’economista e saggista Peter Drucker nel suo libro “Le sfide del Management nel XXI Secolo”.

Le cinque regole che compongono l’acronimo fanno riferimento alle seguenti parole di origine inglese:

  1. S = Specif (Specifico)
  2. M = Misurable (Misurabile)
  3. A = Achievable (Raggiungibile)
  4. R = Relevant (Rilevante)
  5. T = Time-Based (Temporizzato)

Formazione aziendale: quali sono i vantaggi?

 

Destinata a impiegati e dirigenti, la formazione aziendale coinvolge tutti i soggetti che lavorano all’interno di un’impresa. Il training non è un’attività marginale e ha numerosi vantaggi:

  • Incremento della produttività – un lavoratore che diviene maggiormente preparato sul proprio campo, acquisisce gli strumenti necessari a fare il proprio lavoro in modo sempre più corretto, aumenta la sua produttività nel gestire e nello svolgere le proprie mansioni.
  • Maggiore competitività – migliorare i processi lavorativi, il rapporto con i clienti e le skill professionali di ogni dipendente al fine di perfezionare i servizi offerti, aggiungerne di nuovi e avere la possibilità, dopo aver fatto uno studio sui competitors, di poter approfittare di debolezze e mancanze per acquisire nuovi clienti e nicchie di mercato.
  • Ottimizzazione della organizzazione interna – lo sviluppo delle soft skills, l’apprendimento di nuove dinamiche di gestione del tempo e la specializzazione nel proprio ruolo, consentono di migliorare tutti i processi aziendali, dall’acquisizione di un cliente, alla pianificazione di un progetto, sino alla sua presentazione, rendendoli più fluidi, snelli e settorializzati.
  • Raggiungimento degli obiettivi – l’azienda, grazie ad una migliore organizzazione interna, arriverà ad ottenere i risultati prefissati. Un team che lavora in sintonia, avendo ben presenti le dinamiche.
  • Motivazione dei dipendenti – un dipendente che viene stimolato ad imparare e gli vengono dati gli strumenti per migliorare, non solo ripagherà con maggiore efficienza, ma si sentirà realizzato e valorizzato, contribuendo al clima aziendale in modo positivo
  • Problem solving e spirito di squadra

Tutte queste opportunità si traducono in effetti positivi che valorizzano le capacità degli individui, stimolano la condivisione e favoriscono la creatività. In questo modo la formazione aziendale offre alle aziende l’opportunità di affrontare e superare le sfide del presente per guardare a un futuro fatto di crescita, progresso e successi.

Formazione aziendale: come e perché farla

Formazione aziendale: a chi affidarsi

In questo articolo, abbiamo cercato di fare il quadro della questione in merito all’investire nella formazione del personale: fornire un’istruzione adeguata, un ambiente di lavoro sano e stimolante, delle agevolazioni e dei benefici ai propri dipendenti sono valori da non sottovalutare affatto.

In un contesto di continui cambiamenti, un’azienda che rimane statica e immobile sulle proprie conoscenze e capacità, è destinata ad essere “superata” a livello di mercato. Esistono sempre aree di miglioramento ed interventi utili ad apportare tale cambiamento.

Come abbiamo avuto modo di vedere, esistono molti strumenti e strategie per la formazione del personale: corsi aziendali, e-learning, e-book e incidental learning sono alcune delle possibilità alle quali le aziende possono avvicinarsi per migliorare la propria competitività e assicurarsi un personale felice e produttivo.

La formazione utile è quella che può essere trasferita nel lavoro e noi di Nexsys da sempre appoggiamo in pieno questa filosofia, che ci contraddistingue dai competitor, in quanto è identificativa di tutta la nostra offerta.

X