Per poter lavorare da remoto in maniera produttiva utilizzando Microsoft Teams gli utenti di un’azienda hanno bisogno che questo servizio sia affidabile e di qualità e per garantire questi requisiti i tecnici IT devono poter monitorare alcuni parametri, o metriche, fondamentali per garantire una migliore esperienza utente possibile.

1 – Latenza

La latenza misura il tempo necessario per trasmettere un pacchetto dal punto A al punto B e ritorno, ed è legata alla distanza fisica tra i due punti, la velocità di trasmissione e l’overhead tra i router nel mezzo. La latenza influisce sulla fluidità della conversazione tra due persone.

L’incremento della latenza causa pause o blocchi temporanei durante la conversazione. Un’alta latenza porta le persone a parlare in contemporanea perché la conversazione non è in tempo reale a causa dei blocchi della comunicazione.

2 – Tasso di perdita dei pacchetti

Microsoft raccomanda di mantenere il tasso di perdita dei pacchetti al 1% nel corso di una 15-seconda chiamata. Una perdita inferiore al 3% dovrebbe fornire una qualità di chiamata accettabile. Tra il 3 e il 7% di perdita di pacchetti non c’è un notevole impatto durante la chiamata; oltre il 7% di perdita la chiamata di qualità sarà molto scarsa.

Un esempio di perdita di pacchetti in 15 secondi è il seguente: se 1000 pacchetti vengono inviati in 15 secondi e 50 vengono persi, questo genererà un 5% di perdita di pacchetti. Questa misura è estremamente importante nel VoIP; è utilizzaato come uno degli elementi per determinare il Mean Opinion Score (MOS) discusso più avanti in questa guida.

Un alto livello di perdita di pacchetti porterà a periodi di silenzio durante la conversazione (se è impostato un periodo di tolleranza di perdita di pacchetti durante una chiamata) o ad un degrado della qualità della voce causando il classico effetto di voce “robotica”.

3 – Rapporto di riordino dei pacchetti

Questa statistica è considerata ugualmente importante come quella relativa alla perdita di pacchetti, perché il riordino dei pacchetti (quando i pacchetti arrivano in un diverso ordine rispetto all’ordine in cui sono inviati) può degradare gravemente la qualità della chiamata.

Un flusso di rete ad alta frequenza ha una maggiore possibilità di riordino dei pacchetti. Il riordino dei pacchetti può essere riconosciuto come perdita di pacchetti o come segnale di congestione dalla maggior parte dei protocolli di rete (come TCP/IP). Pertanto influenzano la rete MOS allo stesso modo della perdita di pacchetti.

In aggiunta questo può influenzare il tasso di invio dei pacchetti, che causerà anche l’aumento del tempo di invio e ricezione, causando il degrado delle prestazioni. Come risultato la comunicazione potrà essere disturbata e si potranno verificare dei salti della connessione. La soglia massima a cui è necessario prestare attenzione è solitamente dello 0,05%.

4 – Jitter 

I pacchetti audio vengono inviati a intervalli regolari sulla rete ma questo non significa che vengano ricevuti con la stessa regolarità, di solito a causa della latenza della rete. Questo è il motivo per cui è necessario un buffer che immagazzini tutti i pacchetti prima di ricostruirli nell’ordine corretto.

Il Jitter è la dimensione del buffer che è necessaria per memorizzare i pacchetti prima di ricostruirli loro nel corretto ordine. Il valore di Jitter viene calcolato su un periodo di 15 secondi. Un numero di Jitter basso significa che la connessione della comunicazione è buona e stabile. Un buffer di Jitter grande causa un ulteriore ritardo nelle chiamate ed è segno di congestione sulla rete.

La diminuzione o l’aumento del buffer causerà un audio distorto durante la conversazione che potrebbe provocare un rallentamento o un’accelerazione della conversazione dei chiamanti. Quando si tratta di perdita di pacchetti il valore Jitter viene utilizzato nella determinazione del MOS di rete.

5 – La Rete MOS rete “Media Opinion Score” 

MOS è un concetto fondamentale da capire quando si guarda alle prestazioni di Microsoft Teams: il MOS è di solito un punteggio che si basa su un questionario inviato agli utenti, come quello che si ha dopo ogni chiamata su Skype, Teams o WhatsApp: “Si prega di valutare la qualità della chiamata da una a cinque stelle” (5 è eccellente, 1 è scarso ).

Questo è il motivo per cui si non si può avere un MOS superiore a 5. Diventa impegnativo quando si desidera valutare il proprio ambiente ( soprattutto durante la migrazione ) e non si hanno abbastanza feedback dagli utenti per ricavare questo punteggio.

Microsoft ha collaborato con altri specialisti di rete su una definizione della metrica di rete MOS che possa prevedere il Wideband Listening Quality Mean Opinion Score (MOS-LQ). Per calcolare queste metriche vengono considerati molteplici fattori come la latenza, perdita di pacchetti, jitter, il codec utilizzato, ecc.

8 metriche per valutare l’esperienza utente di Microsoft Teams - Microsoft Teams - Nexsys

Come usare il valore MOS?

Il Network MOS è uno strumento perfetto per identificare se le condizioni della rete stanno influenzando l’esperienza di qualità audio dell’utente finale.

Può essere utilizzato per individuare una vasta gamma di questioni.

Il primo modo per analizzare il Network MOS è compararlo con un valore medio precedente per capire se si ha a che fare con un degrado della qualità audio oppure no.

Combinando queste informazioni con la perdita di pacchetti o il Jitter permette di capire cosa sta causando tale degrado e in quale posizione. Questo è il motivo per cui è imperativo misurare costantemente da tutte le posizioni.

6 – Degradazione Network MOS  

Un altro modo per analizzare l’esperienza dell’utente finale di Microsoft Teams  sulle postazioni remote è di capire il degrado del Network MOS.

Questa statistica mostra direttamente l’impatto del jitter e della perdita di pacchetti sul Network MOS. E’ generalmente consigliato mantenere il valore al di sotto di 1; più alto è questo valore e peggiore sarà la qualità della chiamata.

Solitamente un valore elevato di degrado del Network MOS provoca distorsioni nell’audio o un periodo di silenzio durante la conversazione, ciò è generalmente dovuto alla congestione della LAN, del wireless e/o alla larghezza di banda insufficiente, che influisce direttamente sul tasso di perdita di pacchetti e sul Jitter medio.

La statistica è interessante in quanto è meno influenzata dal codec utilizzato durante la chiamata di quanto non sia influenzata dal MOS effettivo. Sapendo questo è possibile analizzare le metriche per capire se la perdita di MOS è dovuta principalmente al Jitter o alla perdita di pacchetti e quindi risolvere ulteriormente il problema.

Raccomandazione di base sul Network MOS

Siccome il MOS è una previsione dell’esperienza utente riguardo alla qualità audio, è importante misurarlo costantemente.

Anche Il Jitter e la perdita di pacchetti dovrebbero essere misurati frequentemente, assicurandosi che il valore di jitter sia inferiore a 50ms, la perdita di pacchetti dovrebbe essere più vicina possibile allo 0% e, naturalmente, la latenza dovrebbe essere sotto i 100 millisecondi soglia.

7 – Rapporto scomparsa del campione medio

Un campione audio può essere nascosto in base ai pacchetti di rete persi. Si tratta di una semplice soluzione per ammorbidire la brusca transizione causata da cadute di pacchetti di rete . Questo è il motivo per cui questa statistica viene spesso chiamata “Healed Percentage”.

Un’alta percentuale di questo valore significa che molti campioni vengono nascosti a causa della perdita di pacchetti, indica scarsa qualità audio e si manifesta con la percezione di un audio distorto o assente.

Solitamente è meglio mantenere il rapporto intorno, o al di sotto, del 2%, oltre il 2% la qualità audio si degraderà e ad oltre il 7% gli utenti probabilmente termineranno e la chiamata.

8 – Larghezza di banda stimata

Microsoft Teams si adatta bene alla variazione della larghezza di banda, riducendo o aumentando la velocità di invio dei pacchetti.

Tuttavia la larghezza di banda ha un impatto significativo sulla qualità dell’audio, solitamente quando la larghezza di banda è inferiore a 100 Kbps la qualità della chiamata risulta bassa.

Le videochiamate sono ancora più sensibili alla variazione della larghezza di banda e alla perdita di pacchetti, questo è il motivo per cui è fondamentale misurare la larghezza di banda e mantenerla all’interno dei valori raccomandati da Microsoft.

Solution-Microsoft-teams

Conclusioni

Questa è solo una panoramica della metriche per valutare l’esperienza utente di Microsoft Teams. Ricordati di affidarti sempre a tecnici specializzati che ti possono garantire di utilizzare questo strumento in maniera produttiva, affidabile e soddisfacente.

Se necessiti di ulteriori approfondimenti, Nexsys – azienda informatica di Verona – propone un corso Teams per IT PRO: Strumenti di collaborazione con Office 365 e Microsoft Teams. E se, invece, sei alle prime armi, il corso Teams per utenti è quello che fa per te. Leggi l’articolo dedicato e scopri il programma del corso Microsoft Teams.