Windows Server 2019 apporta miglioramenti significativi su tutta la piattaforma quando si tratta di soluzioni software. Lo storage definito dal software sta attirando molta attenzione da parte dei clienti poiché la maggior parte guarda al di fuori dello storage tradizionale con aggiornamenti in arrivo per l’infrastruttura di storage. Con Storage Spaces Direct introdotto in Windows Server 2016, la tecnologia dal punto di vista di Windows è relativamente nuova. Tuttavia, con Windows Server 2019, Storage Spaces Direct è passato da una nuova tecnologia a una piattaforma collaudata per l’esecuzione di carichi di lavoro di produzione. Mentre Windows Server 2019 è stato rilasciato solo da pochi giorni, ci sono Best practice per gli spazi di archiviazione di Windows Server 2019 da notare per l’esecuzione di S2D sulla piattaforma del sistema operativo server più recente di Microsoft. Molte di queste best practice sono riportate da Windows Server 2016 e vale la pena dare un’occhiata a quelle per Windows Server 2019 Storage Spaces Direct.
Nexsys propone corsi di formazione in Windows Server 2019  che ti permetteranno di diventare un esperto in particolare sulle caratteristiche di Windows Server 2019.

Best practices per gli spazi di archiviazione di Windows Server 2019

Quando si pensa alle varie migliori pratiche con Storage Spaces Direct in Windows Server 2019, ci sono diverse aree che vogliamo considerare soprattutto quando si pensa a un design S2D. Di recente, presso Microsoft Ignite, sono state prese in considerazione (7) le best practice per gli spazi di archiviazione di Windows Server 2019 Direct.

  • Utilizzando RDMA
  • Cambiare team integrato
  • Elasticità
  • Utilizzare dispositivi di archiviazione con elevata resistenza
  • Ridimensionare l’ambiente correttamente
  • Acquistare le soluzioni WSSD
  • Gestire S2D con Windows Admin Center

Diamo un’occhiata a ciascuna di queste aree e al modo in cui ognuna contribuisce alla gestione di un ambiente di Spazi di archiviazione di Windows Server 2019 che è resiliente, stabile e si comporta molto bene.

Storage Spaces Direct Networking

Utilizzare RDMA

RDMA è una tecnologia di base per disporre di un’infrastruttura di Spazi di archiviazione diretta di Windows Server 2019 che funziona davvero bene.
Che cos’è dunque RDMA?
RDMA o l’accesso diretto alla memoria remota consente ai dispositivi di accedere alla memoria senza dover interagire con il sistema operativo. Ciò consente molte più prestazioni rispetto a quando i dispositivi devono interagire con i sistemi operativi host. Con le applicazioni RDMA hai accesso diretto alla rete che riduce la latenza e il sovraccarico della CPU. Esistono sostanzialmente due metodi per implementare la tecnologia di rete RDMA. Questo può essere fatto utilizzando la tecnologia RoCE o iWarp. RoCE è il più difficile dei due da configurare correttamente. Tuttavia, entrambi possono essere utilizzati per fornire una struttura di rete RDMA stabile e ad alte prestazioni per Storage Spaces Direct. Alcune cose da considerare con le implementazioni RoCE:

  • Non instradare il traffico RoCE
  • Non trascurare la configurazione dello switch

Con iWarp, l’implementazione è generalmente più semplice rispetto a RoCE. Tuttavia, ci sono ancora cose da considerare quando lo si implementa con S2D:

  • Non instradare il traffico iWarp
  • Su implementazioni con larghezza di banda elevata, utilizzare il controllo del flusso prioritario o PFC

SET (Switch Embedded Teaming)

Che cos’è Switch Embedded Teaming o SET?
SET è una soluzione di teaming NIC alternativa che può essere utilizzata in ambienti Hyper-V con Windows Server 2016 e Windows Server 2019 che integra alcune funzionalità di teaming NIC nello switch virtuale Hyper-V. Ciò consente di raggruppare da uno a otto adattatori di rete Ethernet fisici in uno o più adattatori di rete virtuali basati su software. È comunque possibile utilizzare il team NIC LBFO nel senso tradizionale, tuttavia, l’utilizzo di SET consente di beneficiare di nuove funzionalità di commutazione come vRSS, vRDMA, DVMMQ e RSC. Quando si configura la rete per il traffico SMB, utilizzare subnet separate per ciascuna rete SMB. Questo aiuta con una chiara progettazione della rete e controllo della congestione.

resilienza informatica

Considerazioni sulla resilienza

Con Windows Server 2019 Storage Spaces Direct, hai accesso a molte diverse opzioni di resilienza. È possibile utilizzare quanto segue:

  • Mirror a 3 vie: tre copie dello stesso blocco su tre server diversi. Due server possono fallire se hai 4 o più nodi e avrai prestazioni eccezionali su tutta la linea
  • Parità con mirroring accelerato:La parità con mirroring accelerato rappresenta un grande compromesso di capacità di recupero e capacità. Parte del volume è uno specchio a tre, e l’altra parte è doppia parità in modo da ottenere il meglio da entrambi i mondi
  • Doppia parità: non è consigliabile ed è consigliabile utilizzare la parità con accelerazione speculare
  • Mirror a 2 vie: questa non è una configurazione consigliata a meno che non si stia eseguendo un cluster a due nodi

Dispositivi di memoria

Durante l’approvvigionamento e il provisioning dei dispositivi cache bisogna prestare attenzione alla resistenza del dispositivo cache. Dirigiti verso i dispositivi cache che hanno almeno 3 DWPD o scritture su disco al giorno. Con i dispositivi di capacità, utilizzare dispositivi con un punteggio di 1-3 DWPD. Con Storage Spaces Direct, dovresti avere un minimo di (2) dispositivi cache e prestare particolare attenzione ai numeri I / O casuali 4K del dispositivo. Quando si considera l’hardware per i dispositivi di memorizzazione nella cache, scegliere NVMe quando possibile. I dispositivi NVMe sono solo il 30% più costosi ma offrono il 300% più veloce rispetto agli SSD comparabili.

Ridimensionamento dell’ambiente

Quando si pensa alle migliori pratiche di dimensionamento per Storage Spaces Direct, per abilitare la funzione di ricostruzione parallela è necessario almeno un HDD di spazio libero nel pool S2D. Con la ricostruzione parallela, il pool di archiviazione si riparerà da solo anche se l’unità guasta non viene sostituita. La ricostruzione parallela è molto più veloce della ricostruzione dell’unità guasta stessa poiché la ricostruzione parallela utilizza più unità per riparare il pool di archiviazione invece di ricostruire la singola unità guasta che può richiedere del tempo a seconda delle dimensioni e del tipo di unità. Assicurati di dimensionare correttamente i livelli di archiviazione. Mettere da parte almeno il 10% del pool di archiviazione per i dispositivi di memorizzazione nella cache. Fornire il 20% per il livello prestazionale e il resto per capacità. Ciò fornirà un ottimo mix di cache, prestazioni e capacità per i carichi di lavoro di produzione.

windows server software defined

Acquistare soluzioni WSSD

Microsoft ha introdotto un programma chiamato programma WSSD Solutions che sta per “Windows Server Software Defined”. Questo è essenzialmente un certificato Microsoft per hardware che verifica che l’hardware sia testato e certificato per eseguire Storage Spaces Direct. Microsoft invia ai fornitori un rigoroso programma di test che simula il traffico S2D per un anno nell’arco di una settimana circa. Se l’hardware del fornitore supera i controlli simulati, possono diventare certificati WSSD. L’acquisto di queste soluzioni implica l’acquisto di hardware certificato per l’esecuzione di Storage Spaces Direct. Ciò è estremamente importante dal punto di vista del supporto e dal punto di vista della stabilità e dell’affidabilità per l’esecuzione dei carichi di lavoro di produzione.

Gestire S2D con Windows Admin Center

Windows Admin Center è il fulcro della gestione di Windows Server 2019. Fornisce la via da seguire per la gestione dell’infrastruttura definita dal software con Windows Server 2019. Windows Admin Center si può scaricare gratuitamente da Microsoft se si dispone di una licenza valida per il sistema operativo Windows. Sono stati progettati nuovi dashboard con Windows Admin Center che consentono un alto livello di visibilità sull’infrastruttura S2D, compresi i parametri di prestazione storici e persino l’integrità dell’infrastruttura fino al livello dell’unità. Windows Admin Center fornisce tutti gli strumenti in un’unica interfaccia invece di dover passare da uno strumento all’altro per gestire host, cluster e ambienti HCI. È anche basato sul web che consente di accedervi da qualsiasi client o server se configurato nella modalità gateway.

Windows Server 2019 Storage Spaces Direct offre una potente piattaforma per l’esecuzione di carichi di lavoro di produzione su un’infrastruttura definita da software basata sulla tecnologia Windows Server Failover Cluster. Seguendo le best practices, i clienti possono aspettarsi di avere la migliore esperienza con la piattaforma, inclusi stabilità, prestazioni e affidabilità. Molte delle best practice consigliate vengono riportate da Windows Server 2016 S2D e si applicano anche a Windows Server 2019. Le best practice S2D di Windows Sever 2019 coprono tutte le aree dei componenti, inclusi rete, switch virtuale, dimensionamento, resilienza, hardware certificato e altri. Quando esegui il provisioning di un nuovo cluster di Spazi di archiviazione di Windows Server 2019, assicurati di seguire le best practice consigliate da Microsoft per S2D che garantiranno la migliore esperienza con l’ultima versione di S2D.
Oltre ai corsi di formazione sopra citati Nexsys offre consulenza sistemistica sulla progettazione. 

X